Diabetic foot. Vector illustration.

Le ulcere del piede diabetico sono le ferite croniche più diffuse e comuni nei paesi occidentali e industrializzati.

L’evento scatenante corrisponde solitamente ad un trauma minore, causato spesso dalla calzatura stessa. L’assenza di percezione dolorosa, dovuta alla neuropatia diabetica periferica, unitamente a deficit vascolari, porta all’ulcerazione. Le stesse cause sono responsabili del peggioramento della lesione e della sua cronicizzazione.

  • Ulcere cutanee
  • Riduzione delle masse cutanee e muscolari
  • Callosità nel piede
  • Gambe dolenti
  • Gambe stanche, pesanti
  • Alterazione della sensibilità degli arti
  • Pelle secca
  • Piedi freddi
  • Gonfiore agli arti
  • Arrossamenti o cambiamento di colore alla pelle
  • Difficoltà di deambulazione

Secondo l’International Diabetes Federation, 246 milioni di persone nel mondo soffrono di diabete, un numero destinato a crescere per arrivare a quasi 400 milioni entro il 2025, il 7,1 % della popolazione adulta. Solo in Europa vi sono più di 50 milioni di persone con il diabete. Il rischio che una persona sofferente di diabete possa sviluppare un’ulcera del piede durante la propria vita è pari al 25%. Ogni anno, oltre 1 milione di persone con diabete perdono una gamba come conseguenza della loro condizione. Ciò significa che ogni 30 secondi un arto inferiore è amputato a causa del diabete, in qualche parte del mondo. La prevalenza globale del piede diabetico è stimata arrivare a 250 milioni entro il 2025. Ogni anno la spesa sanitaria mondiale per trattamenti ed eventi correlati al piede diabetico è compresa tra i 4 e i 13,7 miliardi di dollari.